AMAT

PESARO, DA GIOVEDÌ 11 A DOMENICA 14 LUGLIO ULTIMI APPUNTAMENTI DI “STUPOR CIRCUS” FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CIRCO CONTEMPORANEO

Settimana ricca di appuntamenti al Parco Miralfiore di Pesaro con la sesta edizione di Stupor Circus, festival internazionale di circo contemporaneo promosso dal Comune di Pesaro con l’AMAT con Circo El Grito.

Nelle giornate 11, 12, 13 e 14 luglio Circo El Grito porta in open air Il noto e l’ignoto, spettacolo che nasce dall’esigenza di condurre lo spettatore in un contesto in cui narrazione, tecnica circense, musica dal vivo e illusionismo sono al servizio del gioco collettivo oltre che dello spettacolo propriamente detto. Lo spettacolo nasce da un’idea di Giacomo Costantini, con Clio Gaudenzi (poliedrica attrice, pianista e acrobata), Giacomo Costantini, Wu Ming 2 (del celebre omonimo collettivo di scrittori), la regia è di Tonio De Nitto.

Lo spettatore sarà parte attiva della realizzazione dello spettacolo attraverso l’utilizzo di un dispositivo: quella che sembra essere una semplice scatola di cartone da mettere in testa, è in realtà un sofisticato dispositivo tecnologico che permetterà allo spettatore di immergersi, interagire e contribuire allo sviluppo dello spettacolo.

Lo spettacolo è consigliato a partire da 10 anni. Inizio ore 19 e ore 20.30.

Sempre nelle giornate dell’11, 12, 13 e 14 luglio è ancora Circo El Grito protagonista all’arena con Un amour en couleur, una ricerca sui colori essenziali dell’animo umano in un’epoca fredda e commerciale, un viaggio verticale che rappresenta il ritorno alla purezza dell’infanzia. In questo progetto si sperimenta un linguaggio flessibile, comico, che accende lo stupore e mette in scena il circo con i virtuosismi dell’acrobata aerea Fabiana Ruiz Diaz, dell’equilibrista Pietro Barilli e del giocoliere Jonnathan Lemos. Tre personaggi, accompagnati dalle note del musicista Fabio Guandalini, alla ricerca di ciò che l’uomo ha perduto da tempo: la felicità improvvisa del momento presente. Inizio ore 19.30.

DoppioZero di e con Carpa Diem allo chapiteau l’11 e 12 luglio, è uno spettacolo dove si prende per mano lo spettatore e lo si invita ad abbandonarsi allo sguardo dell’infanzia che trova nel circo contemporaneo le sue parole mute. Lui è ingenuo, distratto e sognatore. Lei è energia pura, velocità e movimento. Insieme sono come l’acqua e la farina. Insieme preparano il pane in una giornata che sembra semplice come il pane quotidiano ma in realtà è magica esattamente come loro due. Sono buffi, teneri e surreali, impastano a quattro mani e mentre attendono che il pane lieviti e si cuocia ci regalano un viaggio nel tempo e nei sentimenti, tra canzoni anni ’50, dalle cronache radiofoniche e da quella voglia di vivere che si respirava negli anni della ricostruzione. Inizio ore 21.

A chiudere la sesta edizione di Stupor Circus il 13 e 14 luglio allo chapiteau sono i Okidok, duo belga formato da Xavier Bouvier e Benoît Devos, con Hahaha. La coppia scatena una potenza fantastica senza paragoni grazie a tanti sketch visivi frutto di un’inventiva inesauribile ed estremamente divertente. Entrano in scena due clown. Hanno i classici nasi rosi e gli scarponi, eppure sono così diversi dai soliti pagliacci. Persi nel loro universo, aspettano di dare un senso alla serata. Nel frattempo, divertono il pubblico con una comicità poetica irresistibile che scaturisce da oggetti minimalisti come scatoloni di cartone e cancelletti di legno. Okidok sono un duo belga che ha già trionfato al Festival du Cirque de Demain di Parigi ed è considerato fra i più interessanti esponenti della nuova clownerie internazionale. Ballerini, commedianti, mimi, prestigiatori, equilibristi, rumoristi, strumentisti, cascatori e molto altro ancora, da più di 25 anni gli Okidok presentano i loro spettacoli in tutto il mondo, tra clown classico e visual comedy, per un risultato inedito e sorprendente, straordinariamente divertente. Inizio ore 21.

Prevendite biglietti presso Teatro Sperimentale 0721 387548, circuito AMAT / vivaticket, biglietteria al Parco Miralfiore 334 3193717 il giorno di spettacolo da un’ora prima dell’inizio. Tutti gli spettacoli sono tout publique, consigliati da 6 anni; Il noto e l’ignoto è consigliato a partire da 10 anni.